ecoagire
EcoAgire - Cambio Stile per l'Ambiente

Progetto di livello regionale gestito dal CREA sulla base dei progetti presentati dai Centri del Sistema.
I singoli progetti ammessi a finanziamento, da integrare in un quadro complessivo coerente ed efficace a livello regionale, devono incentrarsi sul tema generale del "Cambiamento dei comportamenti" , da declinare in un'ottica locale secondo le competenze e le caratteristiche del territorio e del bacino di utenza di riferimento dei singoli centri locali e provinciali.
La finalità principale è andare ad incidere concretamente sui destinatari delle azioni educative, attraverso la modifica dei comportamenti e degli atteggiamenti da ottenersi attraverso processi educativi capaci di produrre cambiamenti nelle azioni che possono avere effetti sulla qualità degli ecosistemi, fornendo gli strumenti per risolvere i problemi e prendere decisioni consapevoli della complessità delle interazioni uomo - società - ecosistemi.

A livello regionale, ai fini della progettazione locale, sono state individuate le seguenti 3 categorie prioritarie di destinatari delle azioni educative del Sistema Ligure di Educazione Ambientale, cui rivolgere le attività da implementare nell'ambito del programma:

Pubblica amministrazione (PP.AA):
Il fine è quello di supportare le politiche locali, creare sinergie tra pubblico e privato e realizzare occasioni di confronto fra tecnici e cittadini; inoltre di informare e sensibilizzare dipendenti pubblici/cittadini sul ruolo e le responsabilità delle amministrazioni locali quali enti che progettano, realizzano azioni virtuose e che si pongono come volano di diffusione di buone pratiche nei confronti della collettività.
Temi:
- acquisti verdi (supporto agli enti locali, coprogettazione, formazione e sensibilizzazione);
- comportamento dei dipendenti (promozione analisi e sensibilizzazione/diffusione misure atte alla riduzione sprechi, formazione e sensibilizzazione);
- energia (es.: formazione energy manager, in questo caso estendibile anche a privati - in modo da raggiungere un numero di utenti sufficiente e contribuire allo scambio culturale fra settore pubblico e settore privato).

Cittadini:
Il fine è quello di stimolare un ruolo pro-attivo della cittadinanza attraverso attività di informazione, formazione e educazione ambientale ed allo sviluppo sostenibile che incoraggino lo sviluppo di comportamenti virtuosi, l'adozione di buone pratiche e la presa di coscienza sulle correlazioni tra benessere economico, sociale e qualità ambientale.
Temi:
- consumo sostenibile (accordi con commercianti/supermercati, incontri con cittadinanza, creazione di sportelli informativi)
- rifiuti (creazione di sportelli informativi, seminari per cittadini)
- energia (creazione di sportelli informativi, seminari per cittadini, adozione piccole comunità)
- biodiversità e fruizione sostenibile delle risorse naturali, compreso turismo sostenibile (creazione di sportelli informativi, seminari per cittadini, escursioni "educative" a ridotto impatto ambientale)

Scuole:
Il fine è quello di stimolare la presa di coscienza da parte di studenti ed insegnanti sulle attuali problematiche ambientali e sociali e sviluppare nei ragazzi la consapevolezza delle relazioni che intercorrono tra i comportamenti abituali e l'utilizzo delle risorse in modo da stimolare il cambiamento nelle pratiche quotidiane e favorire una migliore fruizione delle risorse disponibili.
Temi:
- consumo sostenibile, rifiuti, energia, biodiversità e fruizione sostenibile delle risorse naturali (compreso turismo sostenibile), utilizzando metodologie educative volte a cambiare in concreto i comportamenti degli alunni o a diminuire gli sprechi della scuola.

ecoagire
EcoAgire - Cambio Stile per l'Ambiente

Progetto di livello regionale gestito dal CREA sulla base dei progetti presentati dai Centri del Sistema.
I singoli progetti ammessi a finanziamento, da integrare in un quadro complessivo coerente ed efficace a livello regionale, devono incentrarsi sul tema generale del "Cambiamento dei comportamenti" , da declinare in un'ottica locale secondo le competenze e le caratteristiche del territorio e del bacino di utenza di riferimento dei singoli centri locali e provinciali.
La finalità principale è andare ad incidere concretamente sui destinatari delle azioni educative, attraverso la modifica dei comportamenti e degli atteggiamenti da ottenersi attraverso processi educativi capaci di produrre cambiamenti nelle azioni che possono avere effetti sulla qualità degli ecosistemi, fornendo gli strumenti per risolvere i problemi e prendere decisioni consapevoli della complessità delle interazioni uomo - società - ecosistemi.

A livello regionale, ai fini della progettazione locale, sono state individuate le seguenti 3 categorie prioritarie di destinatari delle azioni educative del Sistema Ligure di Educazione Ambientale, cui rivolgere le attività da implementare nell'ambito del programma:

Pubblica amministrazione (PP.AA):
Il fine è quello di supportare le politiche locali, creare sinergie tra pubblico e privato e realizzare occasioni di confronto fra tecnici e cittadini; inoltre di informare e sensibilizzare dipendenti pubblici/cittadini sul ruolo e le responsabilità delle amministrazioni locali quali enti che progettano, realizzano azioni virtuose e che si pongono come volano di diffusione di buone pratiche nei confronti della collettività.
Temi:
- acquisti verdi (supporto agli enti locali, coprogettazione, formazione e sensibilizzazione);
- comportamento dei dipendenti (promozione analisi e sensibilizzazione/diffusione misure atte alla riduzione sprechi, formazione e sensibilizzazione);
- energia (es.: formazione energy manager, in questo caso estendibile anche a privati - in modo da raggiungere un numero di utenti sufficiente e contribuire allo scambio culturale fra settore pubblico e settore privato).

Cittadini:
Il fine è quello di stimolare un ruolo pro-attivo della cittadinanza attraverso attività di informazione, formazione e educazione ambientale ed allo sviluppo sostenibile che incoraggino lo sviluppo di comportamenti virtuosi, l'adozione di buone pratiche e la presa di coscienza sulle correlazioni tra benessere economico, sociale e qualità ambientale.
Temi:
- consumo sostenibile (accordi con commercianti/supermercati, incontri con cittadinanza, creazione di sportelli informativi)
- rifiuti (creazione di sportelli informativi, seminari per cittadini)
- energia (creazione di sportelli informativi, seminari per cittadini, adozione piccole comunità)
- biodiversità e fruizione sostenibile delle risorse naturali, compreso turismo sostenibile (creazione di sportelli informativi, seminari per cittadini, escursioni "educative" a ridotto impatto ambientale)

Scuole:
Il fine è quello di stimolare la presa di coscienza da parte di studenti ed insegnanti sulle attuali problematiche ambientali e sociali e sviluppare nei ragazzi la consapevolezza delle relazioni che intercorrono tra i comportamenti abituali e l'utilizzo delle risorse in modo da stimolare il cambiamento nelle pratiche quotidiane e favorire una migliore fruizione delle risorse disponibili.
Temi:
- consumo sostenibile, rifiuti, energia, biodiversità e fruizione sostenibile delle risorse naturali (compreso turismo sostenibile), utilizzando metodologie educative volte a cambiare in concreto i comportamenti degli alunni o a diminuire gli sprechi della scuola.

copyright 2011 Regione Liguria - p.i. 00849050109 - note legali - numero verde gratuito Urp 800445445
Regione Liguria - piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova - tel. +39 010 54851 - fax +39 010 5488742 - redazione - credits