Piano di gestione del rischio di alluvione (PGRA)

A partire dal quadro della pericolosità e del rischio di alluvioni definito con l'attività di mappatura, le norme comunitarie prevedono l'obbligo di predisporre per ogni distretto uno o più Piani di Gestione del Rischio di Alluvioni (art. 7 D.Lgs. 49/2010 e art. 7 Dir. 2007/60/CE), contenenti le misure necessarie per raggiungere l'obiettivo di ridurre le conseguenze negative dei fenomeni alluvionali nei confronti della salute umana, del territorio, dei beni, dell'ambiente, del patrimonio culturale e delle attività economiche e sociali.
Il Piano di Gestione del rischio di alluvioni (PGRA) deve affrontare tutti gli aspetti della gestione del rischio di alluvioni: prevenzione, protezione, preparazione, compresi la previsione delle alluvione e i sistemi di allertamento, sulla base anche delle caratteristiche del bacino o del sottobacino idrografico interessato. Gli elementi minimi che devono figurare nel primo piano di gestione del rischio di alluvioni sono riportati nell'allegato alla direttiva 2007/60/CE e nell'allegato I al d.lgs. 49/2010.

Ai sensi del d.lgs. 152/2006, peraltro, lo schema di Piano deve essere pubblicato da ciascun distretto idrografico e reso disponibile almeno un anno prima dell'inizio del periodo cui il piano si riferisce per eventuali osservazioni del pubblico, inclusi gli utenti, concedendo un periodo minimo di sei mesi per la presentazione di osservazioni scritte.

Sulla base delle mappature di pericolosità e rischio redatte sono state avviate le attività per la redazione del Piano di Gestione del rischio di alluvioni, di competenza delle Autorità distrettuali, ma a cui le Regioni concorrono per il territorio di competenza.

A tal fine, le  due Autorità di Bacino nazionali di riferimento per i Distretti idrografici in cui ricade il territorio ligure (AdB Arno e AdB Po), hanno attivato gruppi di lavoro di coordinamento tecnico, fornendo infine ciascuna propri indirizzi, sia tecnici sia procedurali, al fine della omogeneizzazione dei dati e del quadro conoscitivo all'interno del distretto, sulla base dei quali sono state redatte la rispettive proposte di Piano di gestione del rischio di alluvioni.

Secondo tali indirizzi, gli uffici regionali interessati, con particolare riferimento ai Settori Assetto del Territorio, Ecosistema Costiero  e Ciclo delle Acque, Protezione Civile ad Emergenza, hanno pertanto provveduto a redigere la parte di piano di gestione relativa al territorio ligure di competenza.

Il Piano è stato poi  definitivamente assemblato  da tali Autorità sulla base dei contributi pervenuti da tutte le Regioni facenti parte dei distretti idrografici di riferimento, ed adottato dal Comitato Istituzionale integrato dei due Distretti in data 22 dicembre 2014, ai fini della pubblicazione del Piano e dell'avvio della fase di informazione e consultazione.

A seguito di tale fase di informazione pubblica e della procedura di VAS la proposta di Piano è stata aggiornata e il PGRA adottata definitivamente il 17 dicembre 2015 dai Comitati Istituzionali integrati dei Distretti di riferimento.
La definitiva approvazione del PGRA avverrà entro il 28 febbraio 2016, sulla scorta del parere motivato che sarà espresso in sede di VAS nazionale.

Gli elaborati dei PGRA definitivamente adottati sono pubblicati in forma completa sui siti istituzionali del Distretto Idrografico Appennino settentrionale e Distretto Idrografico Padano .
Nella presente pagina sono riportati i documenti di rilievo per i territori della Regione Liguria, approvati con dgr n. 1380 del 14 dicembre 2015.

Si segnala che per quanto riguarda la parte di PGRA relativa alla UoM Bacini liguri regionali, ricadenti nel Distretto Appennino Settentrionale, il Piano è stato aggiornato e ripubblicato nel mese di giugno 2015, ai fini dell'avvio della fase di VAS, e definitivamente aggiornato nel mese di dicembre 2015, a seguito della fase di osservazioni e consultazioni, ai fini della definitiva approvazione. I documenti aggiornati a dicembre 2015, che fanno riferimento alle mappature di pericolosità e rischio aggiornate a giugno 2015, sono pubblicati e scaricabili di seguito.

Pagina pubblicata il 23 dicembre 2014
Aggiornata al 29 dicembre 2015

Piano di gestione del rischio di alluvione (PGRA)

A partire dal quadro della pericolosità e del rischio di alluvioni definito con l'attività di mappatura, le norme comunitarie prevedono l'obbligo di predisporre per ogni distretto uno o più Piani di Gestione del Rischio di Alluvioni (art. 7 D.Lgs. 49/2010 e art. 7 Dir. 2007/60/CE), contenenti le misure necessarie per raggiungere l'obiettivo di ridurre le conseguenze negative dei fenomeni alluvionali nei confronti della salute umana, del territorio, dei beni, dell'ambiente, del patrimonio culturale e delle attività economiche e sociali.
Il Piano di Gestione del rischio di alluvioni (PGRA) deve affrontare tutti gli aspetti della gestione del rischio di alluvioni: prevenzione, protezione, preparazione, compresi la previsione delle alluvione e i sistemi di allertamento, sulla base anche delle caratteristiche del bacino o del sottobacino idrografico interessato. Gli elementi minimi che devono figurare nel primo piano di gestione del rischio di alluvioni sono riportati nell'allegato alla direttiva 2007/60/CE e nell'allegato I al d.lgs. 49/2010.

Ai sensi del d.lgs. 152/2006, peraltro, lo schema di Piano deve essere pubblicato da ciascun distretto idrografico e reso disponibile almeno un anno prima dell'inizio del periodo cui il piano si riferisce per eventuali osservazioni del pubblico, inclusi gli utenti, concedendo un periodo minimo di sei mesi per la presentazione di osservazioni scritte.

Sulla base delle mappature di pericolosità e rischio redatte sono state avviate le attività per la redazione del Piano di Gestione del rischio di alluvioni, di competenza delle Autorità distrettuali, ma a cui le Regioni concorrono per il territorio di competenza.

A tal fine, le  due Autorità di Bacino nazionali di riferimento per i Distretti idrografici in cui ricade il territorio ligure (AdB Arno e AdB Po), hanno attivato gruppi di lavoro di coordinamento tecnico, fornendo infine ciascuna propri indirizzi, sia tecnici sia procedurali, al fine della omogeneizzazione dei dati e del quadro conoscitivo all'interno del distretto, sulla base dei quali sono state redatte la rispettive proposte di Piano di gestione del rischio di alluvioni.

Secondo tali indirizzi, gli uffici regionali interessati, con particolare riferimento ai Settori Assetto del Territorio, Ecosistema Costiero  e Ciclo delle Acque, Protezione Civile ad Emergenza, hanno pertanto provveduto a redigere la parte di piano di gestione relativa al territorio ligure di competenza.

Il Piano è stato poi  definitivamente assemblato  da tali Autorità sulla base dei contributi pervenuti da tutte le Regioni facenti parte dei distretti idrografici di riferimento, ed adottato dal Comitato Istituzionale integrato dei due Distretti in data 22 dicembre 2014, ai fini della pubblicazione del Piano e dell'avvio della fase di informazione e consultazione.

A seguito di tale fase di informazione pubblica e della procedura di VAS la proposta di Piano è stata aggiornata e il PGRA adottata definitivamente il 17 dicembre 2015 dai Comitati Istituzionali integrati dei Distretti di riferimento.
La definitiva approvazione del PGRA avverrà entro il 28 febbraio 2016, sulla scorta del parere motivato che sarà espresso in sede di VAS nazionale.

Gli elaborati dei PGRA definitivamente adottati sono pubblicati in forma completa sui siti istituzionali del Distretto Idrografico Appennino settentrionale e Distretto Idrografico Padano .
Nella presente pagina sono riportati i documenti di rilievo per i territori della Regione Liguria, approvati con dgr n. 1380 del 14 dicembre 2015.

Si segnala che per quanto riguarda la parte di PGRA relativa alla UoM Bacini liguri regionali, ricadenti nel Distretto Appennino Settentrionale, il Piano è stato aggiornato e ripubblicato nel mese di giugno 2015, ai fini dell'avvio della fase di VAS, e definitivamente aggiornato nel mese di dicembre 2015, a seguito della fase di osservazioni e consultazioni, ai fini della definitiva approvazione. I documenti aggiornati a dicembre 2015, che fanno riferimento alle mappature di pericolosità e rischio aggiornate a giugno 2015, sono pubblicati e scaricabili di seguito.

Pagina pubblicata il 23 dicembre 2014
Aggiornata al 29 dicembre 2015

Allegati
  • Distretto idrografico Appennino settentrionale
  • PGRA adottato dicembre 2015 - sezione per bacini regionali liguri
    Scarica il file in formato .Pdf (1726 kb)
  • PGRA adottato dicembre 2015 - Parte B Protezione Civile Regione Liguria
    Scarica il file in formato .Pdf (1425 kb)
  • Distretto idrografico Padano
  • PGRA adottato dicembre 2015 - sezione per bacini liguri padani
    Scarica il file in formato .Pdf (1408 kb)
  • PGRA adottato dicembre 2015 - Parte B Protezione Civile Regione Liguria
    Scarica il file in formato .Pdf (1425 kb)
  • Progetto PGRA - SUPERATO
  • Progetto PGRA - sezione per bacini liguri padani
    Scarica il file in formato .Pdf (7392 kb)
  • Progetto PGRA - sezione per bacini regionali liguri
    Scarica il file in formato .Pdf (7915 kb)
  • Progetto PGRA - sezione PGRA Regione Liguria - Parte B Protezione Civile
    Scarica il file in formato .Pdf (390 kb)
  • Criteri generali di indirizzo per il distretto idrografico Appennino settentrionale
    Scarica il file in formato .Pdf (1221 kb)
Servizi on-line
copyright 2011 Regione Liguria - p.i. 00849050109 - note legali - numero verde gratuito Urp 800445445
Regione Liguria - piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova - tel. +39 010 54851 - fax +39 010 5488742 - redazione - credits