Acna

Il sito di Cengio - Saliceto, dichiarato sito di interesse nazionale con la legge 426/98 e successivamente perimetrato con decreto ministeriale del 20 ottobre 1999, comprende un vasto territorio che si estende tra la Liguria e il Piemonte, lungo la direttrice rappresentata dal fiume Bormida e parte dei territori delle province di Savona, Alessandria, Cuneo e Asti. In particolare sono interessati i comuni di Cengio (SV) e Saliceto (AL).

Il sito è sottoposto a ordinanza commissariale con nomina di un commissario delegato con ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 1999. L'ordinanza è stata aggiornata riservando al Commissario poteri più ampi tra i quali l'approvazione dei progetti di bonifica. L'intervento prevede la bonifica e il ripristino ambientale dell'area industriale in parte dismessa ex Acna di Cengio, di una discarica di rifiuti industriali e del fiume Bormida .

Le attività di caratterizzazione, di bonifica e di riqualificazione, sono state concordate con apposito accordo di programma siglato tra i diversi soggetti coinvolti (Ministeri dell'Ambiente, dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato, della Sanità, le Regioni Liguria e Piemonte, Acna Co in liquidazione ed Enichem, oggi Syndial).

L'area è suddivisa in tre zone:
zona A - area ad elevato rischio: aree occupate dall'ex insediamento industriale, la discarica di Pian Rocchetta e l'alveo del fiume Bormida, ramo di Millesimo fino all'abitato di Saliceto
zona B - area di medio rischio: comprende l'alveo del fiume Bormida dalla fine della zona A fino al limite amministrativo dei comuni di Monesiglio e Prunetto
zona C - area di possibile rischio: l'alveo del fiume Bormida dalla fine della zona B alla confluenza con il ramo di Millesimo.

Acna

Il sito di Cengio - Saliceto, dichiarato sito di interesse nazionale con la legge 426/98 e successivamente perimetrato con decreto ministeriale del 20 ottobre 1999, comprende un vasto territorio che si estende tra la Liguria e il Piemonte, lungo la direttrice rappresentata dal fiume Bormida e parte dei territori delle province di Savona, Alessandria, Cuneo e Asti. In particolare sono interessati i comuni di Cengio (SV) e Saliceto (AL).

Il sito è sottoposto a ordinanza commissariale con nomina di un commissario delegato con ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 1999. L'ordinanza è stata aggiornata riservando al Commissario poteri più ampi tra i quali l'approvazione dei progetti di bonifica. L'intervento prevede la bonifica e il ripristino ambientale dell'area industriale in parte dismessa ex Acna di Cengio, di una discarica di rifiuti industriali e del fiume Bormida .

Le attività di caratterizzazione, di bonifica e di riqualificazione, sono state concordate con apposito accordo di programma siglato tra i diversi soggetti coinvolti (Ministeri dell'Ambiente, dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato, della Sanità, le Regioni Liguria e Piemonte, Acna Co in liquidazione ed Enichem, oggi Syndial).

L'area è suddivisa in tre zone:
zona A - area ad elevato rischio: aree occupate dall'ex insediamento industriale, la discarica di Pian Rocchetta e l'alveo del fiume Bormida, ramo di Millesimo fino all'abitato di Saliceto
zona B - area di medio rischio: comprende l'alveo del fiume Bormida dalla fine della zona A fino al limite amministrativo dei comuni di Monesiglio e Prunetto
zona C - area di possibile rischio: l'alveo del fiume Bormida dalla fine della zona B alla confluenza con il ramo di Millesimo.

Allegati
  • Scheda del sito Acna
    Scarica il file in formato .Pdf (441 kb) .Rtf (28456 kb)
Servizi on-line
siti nazionali
copyright 2011 Regione Liguria - p.i. 00849050109 - note legali - numero verde gratuito Urp 800445445
Regione Liguria - piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova - tel. +39 010 54851 - fax +39 010 5488742 - redazione - credits