Valori normativi di riferimento

Nelle sottopagine di questa sezione sono disponibili le tabelle che sintetizzano i valori, livelli, soglie, obiettivi di riferimento delle concentrazioni degli inquinanti nell'aria-ambiente, fissati dal decreto legislativo n.155/2010 al fine di:

  • verificare se i livelli di qualitÓ dell'aria ambiente possono avere effetti sugli ecosistemi e sulla salute per esposizioni di lunga durata a elevati valori medi di concentrazione degli inquinanti o di breve durata per episodi acuti di inquinamento
  • adottare piani di azioni e misure necessarie per il risanamento o la salvaguardia dei livelli di qualitÓ
  • pianificare ed effettuare il monitoraggio della qualitÓ dell'aria sul territorio regionale.

Il d.Lgs 155/2010 "Attuazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualitÓ dell'aria ambiente e per un'aria pi¨ pulita in Europa", ridefinisce il pregresso quadro normativo nazionale inerente la valutazione e gestione della qualitÓ dell'aria ambiente, abrogando l'intero corpo normativo precedente e in particolare:

  • il decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 351 "Attuazione della direttiva 96/62/CE in materia di valutazione e di gestione della qualitÓ dell'aria ambiente";
  • il D.M. 2 aprile 2002, n.60 "Recepimento della direttiva 1999/30/CE del 22 aprile 1999 del Consiglio concernente i valori limite di qualitÓ dell'aria ambiente per il biossido di zolfo, il biossido di azoto, gli ossidi di azoto, le particelle e il piombo e della direttiva 2000/69/CE relativa ai valori limite di qualitÓ dell'aria ambiente per il benzene ed il monossido di carbonio"
  • il decreto legislativo 21 maggio 2004, n.183 Attuazione della direttiva 2002/3/CE relativa all'ozono nell'aria;
  • il decreto legislativo 3 agosto 2007, n.152 Attuazione della direttiva 2004/107/CE concernente l'arsenico, il cadmio, il mercurio, il nichel e gli idrocarburi policiclici aromatici nell'aria ambiente.

Le norme emanate a livello regionale in materia di pianificazione e gestione della qualitÓ dell'aria stabiliscono il riparto delle competenze e dei compiti di Regione, Province, Comuni e ARPAL (Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente ligure).
I riferimenti normativi di livello regionale sono:

  • la legge regionale 18/1999 Adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia
  • la legge regionale 20/2006 Nuovo ordinamento dell'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente ligure e riorganizzazione delle attivitÓ e degli organismi di pianificazione, programmazione, gestione e controllo ambientale
Ulteriore riferimento regionale Ŕ il Piano regionale per il risanamento e la tutela della qualitÓ dell'aria e per i gas serra approvato ai sensi del corpo normativo precedente al Dlgs. 155/2010 con delibera del Consiglio regionale n.4 del 21 febbraio 2006 e scaricabile alla voce piani e programmi del menu di destra dei Servizi on-line e i pi¨ recenti atti di adozione della zonizzazione, classificazione delle zone e programma di valutazione.

Valori normativi di riferimento

Nelle sottopagine di questa sezione sono disponibili le tabelle che sintetizzano i valori, livelli, soglie, obiettivi di riferimento delle concentrazioni degli inquinanti nell'aria-ambiente, fissati dal decreto legislativo n.155/2010 al fine di:

  • verificare se i livelli di qualitÓ dell'aria ambiente possono avere effetti sugli ecosistemi e sulla salute per esposizioni di lunga durata a elevati valori medi di concentrazione degli inquinanti o di breve durata per episodi acuti di inquinamento
  • adottare piani di azioni e misure necessarie per il risanamento o la salvaguardia dei livelli di qualitÓ
  • pianificare ed effettuare il monitoraggio della qualitÓ dell'aria sul territorio regionale.

Il d.Lgs 155/2010 "Attuazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualitÓ dell'aria ambiente e per un'aria pi¨ pulita in Europa", ridefinisce il pregresso quadro normativo nazionale inerente la valutazione e gestione della qualitÓ dell'aria ambiente, abrogando l'intero corpo normativo precedente e in particolare:

  • il decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 351 "Attuazione della direttiva 96/62/CE in materia di valutazione e di gestione della qualitÓ dell'aria ambiente";
  • il D.M. 2 aprile 2002, n.60 "Recepimento della direttiva 1999/30/CE del 22 aprile 1999 del Consiglio concernente i valori limite di qualitÓ dell'aria ambiente per il biossido di zolfo, il biossido di azoto, gli ossidi di azoto, le particelle e il piombo e della direttiva 2000/69/CE relativa ai valori limite di qualitÓ dell'aria ambiente per il benzene ed il monossido di carbonio"
  • il decreto legislativo 21 maggio 2004, n.183 Attuazione della direttiva 2002/3/CE relativa all'ozono nell'aria;
  • il decreto legislativo 3 agosto 2007, n.152 Attuazione della direttiva 2004/107/CE concernente l'arsenico, il cadmio, il mercurio, il nichel e gli idrocarburi policiclici aromatici nell'aria ambiente.

Le norme emanate a livello regionale in materia di pianificazione e gestione della qualitÓ dell'aria stabiliscono il riparto delle competenze e dei compiti di Regione, Province, Comuni e ARPAL (Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente ligure).
I riferimenti normativi di livello regionale sono:

  • la legge regionale 18/1999 Adeguamento delle discipline e conferimento delle funzioni agli enti locali in materia di ambiente, difesa del suolo ed energia
  • la legge regionale 20/2006 Nuovo ordinamento dell'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente ligure e riorganizzazione delle attivitÓ e degli organismi di pianificazione, programmazione, gestione e controllo ambientale
Ulteriore riferimento regionale Ŕ il Piano regionale per il risanamento e la tutela della qualitÓ dell'aria e per i gas serra approvato ai sensi del corpo normativo precedente al Dlgs. 155/2010 con delibera del Consiglio regionale n.4 del 21 febbraio 2006 e scaricabile alla voce piani e programmi del menu di destra dei Servizi on-line e i pi¨ recenti atti di adozione della zonizzazione, classificazione delle zone e programma di valutazione.

Allegati
  • Definizioni del D.Lgs n.155/10 utili per la comprensione del processo funzionale alla valutazione della qualitÓ dell'aria ambiente
    Scarica il file in formato .Pdf (22 kb)
Servizi on-line
copyright 2011 Regione Liguria - p.i. 00849050109 - note legali - numero verde gratuito Urp 800445445
Regione Liguria - piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova - tel. +39 010 54851 - fax +39 010 5488742 - redazione - credits